Archivio

Archivio Maggio 2016

Middle class in Africa

Che esista una classe media nei Paesi africani è un dato di fatto incontrovertibile, anche se per anni è stato ignorato, sia dal mondo della ricerca che da quello dei media. In questo blog ne abbiamo parlato varie volte. E’ altrettanto vero che sulle caratteristiche e sulla quantificazione di tale classe media si stanno accumulando dati, statistiche, interpretazioni di diversa origine e impostazione, che spesso, a detta di alcuni, sconfinano nella creazione di una nuova mitologia. Henning Melber, docente di scienze politiche all’Università di Pretoria, ad esempio, critica quegli economisti che semplicemente definiscono come appartenenti alla classe media coloro che guadagnano (o spendono) tra i 2 e i 10 dollari al giorno. Ma quali sono i criteri per definire e studiare la classe media, specialmente nel contesto africano? L’adesione a valori democratici e progressisti? L’attitudine a promuovere il cambiamento economico e sociale? Una spesa maggiormente orientata a servizi e prodotti immateriali? O cos’altro? E inoltre, anche considerando solo i parametri economici, in questo momento storico la classe media sta aumentando o diminuendo? Tutti interrogativi che Melber pone sul piatto, per invitarci a pensare, e possibilmente ad andare oltre  i luoghi comuni, anche se di nuovo conio.

 

(ringrazio Michele Citoni per la segnalazione di questo articolo)

La foto, scattata in un negozio di Soweto, è tratta da: http://thisisafrica.me/african-middle-class-betrays-nothings-black-consciousness-pan-africanist-ideology/