Archivio

Archivio Giugno 2010

L’energia pulita di Sandrine Mubenga

21 Giugno 2010 8 commenti

bukavu_botte

Una giovane ingegnere congolese emigrata negli USA ha inventato un nuovo tipo di autovettura, elettrica, che usa l’idrogeno come carburante. Si chiama Sandrine Mubenga e la sua storia merita di essere conosciuta. Grazie a Simone Salvatori di avermela segnalata!

La veduta di Bukavu (RDC) è tratta da: www.stiopka.com

A latere dei campionati mondiali di calcio

CAPE-TOWN-SOCCER-STADIUM1Diverse persone, negli ultimi giorni, mi hanno segnalato alcune pubblicazioni. Una di queste è il volume di Matthias Leridon intitolato “L’Afrique va bien”. Un testo che, al di là delle numerose situazioni critiche, spesso disperate, e sacrosantemente denunciate da più parti, può far riflettere su cosa stia comunque cambiando negli ultimi anni nell’Africa sub-sahariana. I 10 capitoli del volume sono:

  • LA DEMOCRATIE EN MARCHE
  • ET L’AFRIQUE S’EVEILLE
  • A LA SOURCE DE TOUTES LES RESSOURCES
  • LE NOUVEL ELDORADO DES TELECOMS
  • AVEC LNTERNET, L’UNIVERSITE AFRICAINE RENAIT
  • L’EXPLOSION MEDIATIQUE
  • SIDA: LA GRANDE LEÇON AFRICAINE
  • UNE GRANDE PUISSANCE
  • DECLAREE SOURCE D’INSPIRATION ARTISTIQUE MONDIALE
  • “LA POULE SAIT BIEN QUE L’AUBE EST LEVEE MAIS ELLE LAISSE LE COQ CHANTER”

L’altra pubblicazione è l’ultimo numero (n. 6, 2010) della rivista “Orafrica” , che è dedicata allo studio dell’oralità africana. Sono riportati, tra gli altri, saggi di Ángel García Galiano, Josep Maria Perlasia, Elena Schenone Alberini, Jacint Creus, Cátia Míriam Costa, Cruz Carrascosa Palomer.

Grazie ad Antonella Noya, Cátia Míriam Costa e a tanti altri.

La foto dello stadio di Cape Town è tratta da: viaggiando.blogosfere.it

Simulacri d’incontro

1 Giugno 2010 1 commento

His07NeoclasB

E’ uscito presso l’Harmattan Italia “Marocco. Turismo e sviluppo locale” (“Maroc. Tourisme et développement local”), curato da Maria Giuseppina Lucia e Hassan Ramou. E’ un volume a più voci, compresa la mia, che presenta alcune importanti transizioni in atto in questo Paese. Gli argomenti ruotano attorno al tema del turismo, e spaziano dalla democrazia alla condizione femminile, dallo sviluppo locale alla protezione ambientale. Sulla scia di alcuni studi che mi interessano, ho presentato qui un piccolo saggio su “Simulacri d’incontro. La costruzione dell’immagine turistica del Marocco”. Ho provato a illustrare brevemente il modo in cui le destinazioni turistiche vengono socialmente rappresentate, a riassumere le componenti tradizionali dell’immagine turistica del Marocco (molto legate al cosiddetto “orientalismo” e alle sue versioni più aggiornate ed edulcorate), e a individuare alcuni fattori di cambiamento nel modo in cui l’immagine turistica di questo Paese viene elaborata (tra questi, la nuova soggettività dei turisti, il peso di Internet, le iniziative degli attori politici e sociali locali).

Hanno contribuito al volume, oltre ai curatori e al sottoscritto, anche: Pietro Barozzi, Irene Bono, Egidio Dansero, Fabiana Demarta, Luca Savoja, Mauro Spotorno, Abdellatif Tribak, Gian Marco Ugolini, Mohamed Ait Hamza, Laura de Robertis, Noemi Genco, Annunziata Vita, Michael Peyron, Mimoun Hillali, David Goeury.

Nella illustrazione: Jean-Auguste Dominique Ingres – “La Grande Odalisque” (1814), Louvre – Parigi, da: www.citronsbleus.com