Archivio

Archivio Febbraio 2005

Urologia africana

25 Febbraio 2005 4 commenti

Sono ormai 187 le riviste africane online, accessibili anche grazie al servizio “African Journals Online” (AJL) di Oxford.

Prosegui la lettura…

Pasolini, Moravia e l’Africa

18 Febbraio 2005 13 commenti

Su un altro blog si sta svolgendo un interessante dibattito su Pasolini e il Sud del mondo, in particolare l’Africa. Forse non tutti sanno che Pasolini scrisse, nei primi anni ’60, una sceneggiatura sulla nascita della "nuova Africa" ("Il padre selvaggio") e realizzò, nel 1970, un documentario intitolato "Appunti per un’Orestiade africana", ambientato in Kenya, Tanganika (si chiamava così) e Uganda.

Prosegui la lettura…

Carceri e lavori socialmente utili

14 Febbraio 2005 4 commenti

Il sovraffollamento delle carceri è un problema noto, in Italia. Anche in Tanzania, dove le prigioni, che dovrebbero ospitare 20.000 detenuti, ne ospitano invece 45.000 (metà dei quali in attesa di giudizio). Di qui l’idea del governo tanzaniano – come informa l’agenzia MISNA – di decongestionare le strutture penitenziarie, sperimentando forme di lavori socialmente utili per i carcerati, in cambio di una sospensione della pena. La misura varrà solo per i detenuti che devono scontare meno di 3 anni. I detenuti potranno, quindi, essere impiegati nella manutenzione delle strade, in attività di conservazione e salvaguardia dell’ambiente, di riparazioni presso scuole, ospedali e altre istituzioni pubbliche. Programmi di questo tipo sembra siano stati avviati con successo in Kenya, Malawi e Zimbabwe.

Prosegui la lettura…

Il ’68 sconosciuto

8 Febbraio 2005 1 commento

C’è stato anche un ’68 africano. Magari è avvenuto nel ’69, ma faceva parte di quell’ondata lì. Mi è rivenuto in mente leggendo una notizia di Panapress, che riferiva di scontri, lunedì a Lomé, tra forze dell’ordine e universitari che chiedevano la liberazione di alcuni leader studenteschi.

Prosegui la lettura…

Musiche meticce

3 Febbraio 2005 3 commenti

In questi giorni sono state ricordate due persone che, in modo diverso, con la musica, hanno contribuito all’unità africana. Sono Gilles Obringer e Bob Marley. Di Obringer si sa meno, almeno a casa nostra: è stato il produttore di Canal Tropical, la tramissione musicale più popolare d’Africa, dedicata alle musiche “meticce”. E’ scomparso a soli 42 anni il 4 febbraio 1995. Nei giorni scorsi, è stato ricordato a Dakar da Radio France Internationale, insieme a musicisti come Youssou N’Dour, Baaba Maal e Ismaël Lô. Bob Marley, invece, lo conoscete tutti. Ma forse non sapete che un recente convegno di 4 giorni, ad Addis Abeba, sull’unità africana è stato dedicato alla sua figura. Il presidente della Commissione dell’unione africana, Alpha Oumar Konaré, lo ha definito una espressione del panafricanismo più autentico e un campione della lotta per la libertà e contro ogni oppressione.

Prosegui la lettura…